San Pietro degli Schiavoni. Teatro e area archeologica

Il nome dell’area archeologica deriva dalla presenza, a partire dalla metà del Quattrocento, di una comunità di schiavoni, ossia popolazioni provenienti dai Balcani,  con al centro la chiesa di San Pietro di cui non si conserva  traccia materiale.

Il nome dell’area archeologica deriva dalla presenza, a partire dalla metà del Quattrocento, di una comunità di schiavoni, ossia popolazioni provenienti dai Balcani,  con al centro la chiesa di San Pietro di cui non si conserva  traccia materiale. L’area archeologica comprendente un quartiere della città romana al cui centro è un cardine, ossia uno degli assi viari nord-sud, ai lati del quale sono ben individuabili resti di domus con  pavimenti a mosaico.

Sui reperti si sviluppa il teatro comunale “Giuseppe Verdi”, progettato dall’architetto romano Enrico Nespega nel 1965 .  Si tratta di una struttura estesa su  4mila e 500 metri quadrati diventata in Puglia e nel Mezzogiorno  un punto di riferimento per  le prestigiose attività programmate. In un angolo della facciata principale è  un bassorilievo in bronzo realizzato dall’artista ungherese Amerigo Tot.

Rate and write a review

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Via Casimiro Giambattista
Brindisi 72100 Puglia IT
Get directions
Dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 19:00 Aperture del Foyer del Teatro "Verdi": 7 MAGGIO 2019 dalle ore 9.00 alle ore 17.30 8 MAGGIO 2019 dalle ore 9.00 alle ore 19.30 13 MAGGIO 2019 dalle ore 15.00 alle ore 18.00 21 MAGGIO 2019 dalle ore 7.30 alle ore 17.30 26 MAGGIO 2019 dalle ore 13.00 alle ore 17.30